Amianto

Amianto

INFORMAZIONI GENERALI

In Italia si è fatto un larghissimo impiego di materiale contenente amianto nelle costruzioni realizzate nel periodo dagli anni 30’ agli anni 90’ circa, in particolare per le coperture di abitazioni ed aziende. L’esposizione ad agenti atmosferici, chimici ed alle sollecitazioni meccaniche, fa sì che questi manufatti contenenti amianto siano una minaccia reale per la salute pubblica, infatti, numerosi studi e contributi scientifici confermano l’altissima pericolosità per la salute e per l’ambiente delle fibre di amianto responsabili in particolare di una patologia neoplastica detto “mesotelioma pleurico”.

Nel territorio Italiano si è provveduto alla messa al bando dell’amianto, con la legge n. 257 del Marzo 1992. ADEMPIMENTI DI CENSIMENTO E VALUTAZIONE DELL'AMIANTO DEL PIANO REGIONALE AMIANTO LOMBARDIA (PRAL).

Ai sensi del vigente Piano Regionale Amianto Lombardia i soggetti pubblici e i proprietari privati hanno l’obbligo di denunciare alla competente ATS per territorio la presenza di amianto o di materiali contenenti amianto in matrice friabile, pena l'applicazione delle sanzioni previste dal DGR 4777 del 30 gennaio 2013.

Nella parte sottostante della pagina trovate copia del PRAL vigente e i modelli per la notifica della presenza di materiale contenente amianto e il protocollo di valutazione dello stato di conservazione delle strutture con amianto.

 

DETRAZIONI FISCALI ANNO 2016

La Legge di stabilità per chi effettua operazioni di bonifica e/o rimozione dell’amianto nel corso del 2016, sotto forma di credito d’imposta articolo 56 della L. 28/12/2015 n. 221 per gli anni 2017, 2018 e 2019 per interventi di bonifica dell’amianto su beni e strutture produttive.

L’agevolazione in parola si aggiunge a quella derivante dal Programma nazionale di bonifica e ripristino ambientale, introdotto dalla L. 09/12/1998, n. 426 ed approvato con il D.M. 18/09/2001, n. 468 e successive modifiche, nell’ambito del quale è fruibile il credito d’imposta previsto dall'articolo 4, commi da 2 a 10 e 14, del D.L. 145/2013, a favore delle imprese sottoscrittrici di accordi di programma volti a favorire la bonifica e la messa in sicurezza dei siti inquinati di interesse nazionale e la loro riconversione industriale.

Per beneficiare del credito d’imposta gli interventi - da effettuare nell’anno 2016 - dovranno avere un importo unitario di almeno 20.000 euro.

Il credito d’imposta spetta nella misura del 50% delle spese sostenute, e beneficia di un limite complessivo di spesa pari a 5,667 milioni di euro per ciascuno degli anni 2017, 2018 e 2019. Si prevede la ripartizione del credito in tre quote annuali di pari importo. Il credito d’imposta deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta di riconoscimento del credito e nelle dichiarazioni dei redditi relative ai periodi di imposta successivi nei quali il credito è utilizzato. Il credito non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini Irap, non rileva ai fini della determinazione della percentuale di deducibilità degli interessi passivi, di cui all’articolo 61 del Testo unico delle imposte sui redditi di cui al D.P.R. 917/1986 (TUIR), né rispetto ai criteri di inerenza per la deducibilità delle spese, di cui all’articolo 109, comma 5, del medesimo TUIR, ed è utilizzabile esclusivamente in compensazione tramite l’utilizzo obbligatorio del modello F24 in via telematica, attraverso i servizi messi a disposizione dall’Agenzia delle entrate, pena il rifiuto dell’operazione di versamento.

 

 

CONVENZIONE PER IL SERVIZIO DI BONIFICA DI MATERIALI CONTENENTI AMIANTO UBICATI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI BORGO VIRGILIO

Regione Lombardia con delibera di Giunta regionale n. 3494 del 30 aprile 2015 ha approvato e pubblicato i criteri per l’attivazione di servizi per la rimozione e lo smaltimento dell’amianto in matrice compatta proveniente da utenze domestiche nel territorio dei comuni lombardi (Burl S.O. n. 20 del 15 maggio 2015), integrandone i criteri con successivo decreto dirigenziale n. 4523 del 3 giugno 2015 (Burl S.O. n. 25 del 15 giugno 2015). A seguito di procedura telematica esperita sul portale ARCA Lombardia - SINTEL, e secondo le disposizioni sopra elencate emesse dalla Regione Lombardia, il Comune di Borgo Virgilio ha stipulato apposita convenzione con la ditta specializzate nel settore CECCHIN SAS di Cecchin Franco Paolo e c., con sede Legale in Castellucchio (MN) Strada Carrobbio n. 13.

 

In sintesi:

Il Comune non ha ruoli di intermediazione per i servizi che saranno gestiti direttamente tra utente e società aggiudicataria/affidataria.

La convenzione ha la durata di 3 anni.

Il servizio si applica esclusivamente all’amianto in matrice compatta e non friabile.

La rimozione e lo smaltimento è prevista per i seguenti materiali:

A) lastre in cemento amianto con superficie da rimuovere da 0 a 30 mq;

B) manufatti in cemento amianto di vario tipo in matrice compatta posti in opera che possono essere smontati senza frantumazione (es. canne fumarie, vasche) con peso complessivo non superiore a 450 Kg;

C) manufatti di vario tipo in matrice compatta non in opera (es. canne fumarie, vasche, mattonelle in vinilamianto ecc.);

D) altri materiali contenenti amianto in matrice compatta (es. guanti, coperte, guarnizioni, sottopentole, phon, teli da stiro ecc.) con peso complessivo non superiore a 10 Kg;

I prezzi offerti sono fissi ed invariabili per l’intera durata del contratto e, nel caso di rinnovo aggiornati su esplicita richiesta della ditta aggiudicataria, sulla base della variazione dell’indice ISTAT;

Il servizio comprende sopralluogo da parte di un tecnico dell’impresa abilitata e redazione del preventivo per la rimozione e per lo smaltimento, entrambi a titolo gratuito per l’utente;

È possibile contattare la ditta 7 giorni su 7 al numero telefonico 337/792505, al quale il privato interessato può rivolgersi per la richiesta degli interventi;

L’intervento sarà eseguito entro il termine massimo di 12 giorni consecutivi dall’affidamento del servizio da parte del privato interessato.

Ultime news

Servizi in primo piano