Notizie

Nuovi giochi inclusivi a Cerese e Borgoforte



Sono disponibili le nuove attrezzature ricreative inclusive che arricchiscono la dotazione dei parchi del Comune di Borgo Virgilio. Nei giardini Quarantini, in via Fratelli Cervi a Cerese, è stato installato un castello con scivolo inclusivo sul quale anche le persone diversamente abili possono salire grazie a una rampa con pendenza dolce che sostituisce la classica scaletta. A fianco è stato posizionato un tavolo con panche ad “accesso facilitato” che permette di stare seduti con la carrozzella. È stata montata, inoltre, un’altalena inclusiva che, oltre al seggiolino tradizionale, è attrezzata anche con un seggiolino appositamente omologato per i bambini che hanno bisogno di sostegno e protezione. A Borgoforte, nel parco di piazza del Borgo, è stata installata, all’altezza del terreno, una giostrina girevole sulla quale possono salire contemporaneamente bambini e compagni di giochi in carrozzina.

Il progetto è stato co-finanziato da Regione Lombardia e dal Comune che ha partecipato a un bando regionale dedicato ai parchi inclusivi. L'opera ha un costo complessivo di 25mila euro. Il Pirellone ha erogato un contributo pari a 20mila euro mentre l’Amministrazione Comunale ha stanziato 5mila euro.

I parchi inclusivi si stanno diffondendo in diversi Comuni italiani al fine di garantire una maggiore accessibilità e inclusione delle persone disabili. L'educazione all'accoglienza delle diversità è un valore irrinunciabile per tutta la comunità. L’abbattimento delle barriere architettoniche non deve limitarsi solo alla realizzazione di rampe e ascensori: i parchi inclusivi sono una realtà sociale importante per consolidare il processo di integrazione e uguaglianza di tutti i cittadini.

Per questo progetto sono stati scelti giochi e arredi visivamente identici a quelli classici dei parchi tradizionali, utilizzabili da tutti senza bisogno di ausili speciali e contemporaneamente fruibili da parte di piccoli utenti normo dotati e diversamente abili.

In allegato le foto.

Servizi in primo piano